Santarcangelo di Romagna

Precedenti Successivi
Foto itinerario
Area di Servizio Montefeltro Est - Rubicone Ovest
DURATA 1 giorno
USCITA AUTOSTRADALE Rimini Nord - Bellaria - Santarcangelo
In collaborazione con touring
Santarcangelo di Romagna
UFFICIO IAT
Via C. Battisti 5 
Tel. 0541624270 
 
L’altura su cui sorge il nucleo più antico del paese, con la Rocca di Sigismondo Malatesta, si chiama Colle Giove (alto appena 90 m) ed è composta da sabbie e ghiaie depositatesi sul fondo di un mare molto antico, scomparso in epoca preistorica. Il borgo, segnato dalle strette viuzze medievali chiamate “contrade”, conserva tracce delle antiche fortificazioni che lo difendevano ed è bagnato da due fiumi, l’Uso e il Marecchia, da cui prende il nome la valle circostante. La bizantina Pieve di San Michele Arcangelo (VI secolo) è l’edificio religioso più importante della città.


LE GROTTE DI SANTARCANGELO 
Via Ruggeri
Informazioni e biglietti c/o Ufficio IAT, via C. Battisti 5, tel. 0541624270
iat@comune.santarcangelo.rn.it
Apertura: visite guidate su prenotazione, tutti i giorni (tranne giovedì pomeriggio in inverno) 
Condizioni di visita: ingresso a pagamento

Nelle viscere della collina di Santarcangelo una fitta e intricata rete di sotterranei – alcuni di dimensioni ridotte, altri di grande estensione – serpeggia sotto alle case, alle piazzette e alle fontanelle del borgo. Sulla loro origine il mistero è ancora abbastanza fitto, e in passato ci furono studiosi che sostennero teorie affascinanti ma poco dimostrabili, vedendo negli ipogei romitaggi di monaci, luoghi di culto o antichissime cave. Le certezze, che provengono dai materiali d’archivio, ci dicono solo che la Santarcangelo sotterranea venne scavata a partire dal XV secolo, con un grande sviluppo nel XVII. La Cavità Comunale si sviluppa su due livelli con un’architettura complessa e curiosa, e molti sono i particolari che fanno pensare a un uso più complesso che il semplice stivaggio di ottimi prosciutti e inebriante Sangiovese. Per la visita si consiglia un abbigliamento pesante, perché la temperatura dei sotterranei è sempre piuttosto bassa. 

Condividi su Facebook

SCOPRI I LUOGHI DOVE POTER MANGIARE O SOGGIORNARE PER QUESTO ITINERARIO

Santarcangelo di Romagna

ZAGHINI

Piazza A. Gramsci 14 
Tel. 0541626136
Chiusura: lunedì; periodo variabile a ottobre
Prezzi: 15/30 euro 
In posizione favorevole, un caratteristico ristorante con ricordi fotografici dei personaggi del cinema che frequentavano il locale affissi alle pareti. La cucina curata propone ricette della tradizione: tagliatelle al ragù e piselli, cappelletti verdi al formaggio di fossa, cacciagione, agnello allo spiedo, involtini, coniglio in porchetta, carrè di vitello, carne alla brace. Pasta e dolci (crostate, torte di mele e crema, semifreddi) fatti in casa.

Santarcangelo di Romagna

OSTERIA LA SANGIOVESA

Piazza S. Balacchi 14
Tel. 0541628211
sangiovesa@sangiovesa.it
www.sangiovesa.it
Chiusura: ultima settimana di dicembre 
Prezzi: 7/40 euro
Situato all'interno del settecentesco Palazzo Nadiani, dispone di sale dedicate alle grandi figure che hanno fatto la storia del paese, curate grazie alla fantasia di Tonino Guerra. Le materie prime utilizzate in cucina provengono principalmente dalla tenuta di proprietà. Tra le proposte: pasta e fagioli all’antica, tagliatelle al ragù, pollastra alla cacciatora e crema in scodella con ciambella di Romagna. All’entrata, le sfogline che preparano la piadina vi faranno sentire accolti nella vera Romagna.