MUSEO CASA DI ARLECCHINO

Precedenti Successivi
Foto itinerario
Area di Servizio Brembo nord
DURATA Mezza giornata
USCITA AUTOSTRADALE Capriate
In collaborazione con touring
MUSEO CASA DI ARLECCHINO
Località Oneta
Tel. 034521020-3711465312
info@orobietourism.com
associazioneoter.com/museo-casa-arlecchino
Apertura: settembre-metà giugno, mercoledì-venerdì 14.30-17.30, sabato e domenica 10-12 e 14-17.30; metà giugno-agosto e dal 26 dicembre al 6 gennaio, mercoledì e giovedì 14.30-17.30, venerdì-domenica 10-12 e 14.30-17.30
Condizioni di visita: ingresso a pagamento.

La frazione rurale di Oneta conserva una chiesa quattrocentesca e antiche case in pietra, tra cui Palazzo Grataroli, del XV secolo, sede del Museo di Arlecchino con finestre ogivali, un ballatoio in legno intagliato e nell'ampio salone del Gran Consiglio affreschi del XV secolo che celebrano l'ascesa della famiglia dei Grataroli con l'intercessione dei santi taumaturghi. Particolarmente efficaci per l'immediatezza e il realismo della rappresentazione sono i due Armigeri e il Torneo equestre, con la "gratarola", lo stemma araldico del nobile casato impressa sulla bardatura del cavallo. Alle pareti le maschere della Commedia dell'Arte ricordano che quest'abitazione è per tradizione ritenuta la Casa di Arlecchino. L'ipotesi è avvalorata dal fatto che nel 500 tra gli umili servitori della famiglia Grataroli figurasse anche Alberto Naselli, detto il Ganassa, colui che recitò presso le corti Francia e di Spagna le sue commedie vestendo i panni di Arlecchino, il bislacco servo fannullone che dietro la sua maschera ironica e opportunista, nasconde la caparbia e operosa indole bergamasca.
Condividi su Facebook

SCOPRI I LUOGHI DOVE POTER MANGIARE O SOGGIORNARE PER QUESTO ITINERARIO

CAPRIATE SAN GERVASIO

OSTERIA DA MUALDO

via privata Crespi 6
0290937077
www.osteriadamualdo.it
Prezzi: 18-35 euro
Chiusura: lunedì e sera di domenica
Nell'ambito di un ottocentesco villaggio operaio in riva all'Adda, dichiarato dall'Unesco Patrimonio mondiale dell'Umanità, un casale è stato ristrutturato nel rispetto delle architetture originarie ricavando, dalle stalle e dal fienile, romantiche salette con travi a vista; un fresco giardino offre la giusta atmosfera per i pranzi estivi. Cucina di valore nel solco della tradizione e sapori legati ai salumi e ai formaggi come inizio, poi i risotti e i primi di pasta fresca, i secondi di selvaggina (o agnello o porceddu sardo); non manca qualche ricetta a base di pesce di mare. Ampia selezione di formaggi freschi o stagionati e di prosciutti nostrani o iberici.