Pennadomo

Torna all'itinerario Pennadomo. Lame di roccia
Precedenti Successivi
Foto itinerario
Area di Servizio Trigno Est - Alento Ovest
DURATA 3 ore
USCITA AUTOSTRADALE Val di Sangro
In collaborazione con touring
Pennadomo
COMUUNE
Via Maiella 13
Tel. 0872968131
comunepennadomo@libero.it
www.comunepennadomo.com

È uno dei comuni della provincia di Chieti con minor numero di abitanti, appena 299 secondo l’ultimo censimento. L’abitato aggrappato alla torre di roccia è caratterizzato da case in blocchi di pietra sbozzata o squadrata in cui si aprono dei semplici portali. Tra le abitazioni spiccano due residenze gentilizie, il palazzo Troilo-Valignani in via Orientale e il più piccolo palazzo De Ritiis in via Peligna. In pietra squadrata è anche la Fonte Vecchia, ricostruita nel XX secolo con gli elementi originali, gorgogliante ad un lato della piazza che immette nel cuore del paese. Nella parte alta, il campanile segnala la posizione della seicentesca parrocchiale di San Nicola da Bari, più volte rimaneggiata e privata di una delle tre navate originarie, al cui all’interno si può apprezzare il suono di un pregevole organo del XVIII secolo. La più piccola e semplice chiesa di Sant’Antonio Abate, in via Roma, è settecentesca e sorge nel luogo in cui era una cappella del secolo precedente.
L’abitato di Pennadomo si trova a circa 460 metri d’altitudine, nella media valle del fiume Sangro e in un’area geologicamente molto complessa. La spettacolare corona di creste rocciose acute e dentellate, perfettamente verticali e levigate, che caratterizza Pennadomo è stata generata da antichissimi sconvolgimenti della crosta terreste che hanno determinato la rotazione di 180° degli strati calcarei originariamente adagiati. Le lame rocciose emergono in verticale dalle argille che affiorano e scorrono nella valle di Montebello ai piedi del paese, con evidente ampia e lunga colata che si dirige verso l’insenatura circolare del lago artificiale di Bomba, il così detto lago di Pennadomo. La gente del posto chiama le falesie rocciose lisce, alludendo alla loro superficie priva di asperità. Sono composte da durissimo calcare grigio e giallo. L’esposizione dei piani verticali delle vie d’arrampicata è Est-Ovest, a seconda del lato della parete che si affronta. Ciò permette di arrampicare praticamente in ogni stagione dell’anno, all’ombra o al sole.
Condividi su Facebook

SCOPRI I LUOGHI DOVE POTER MANGIARE O SOGGIORNARE PER QUESTO ITINERARIO

Pennadomo

DA PEPPE E PINA

Via Caldora 2
Tel. 0872968125
Chiusura: domenica
Prezzi: 3/5 euro
La sosta è obbligata prima e dopo la salita verso le lame di roccia. Per il “rifornimento” non si chiede di più che tranci di pizza locale, panini farciti a chilometro zero e fragranti biscotti semplici o guarniti di cioccolato o nocciole.