Sermoneta

Precedenti Successivi
Foto itinerario
Area di Servizio La Macchia Ovest - Casilina Est
DURATA 2 giorni
USCITA AUTOSTRADALE Frosinone
In collaborazione con touring
Sermoneta
Pro Loco
Piazza del Comune 1 
Tel. 3343936045
prolocosermoneta@libero.it 
www.prolocosermoneta.it 

Arroccato sul versante occidentale dei Monti Lepini, in posizione dominante sulla Piana Pontina, il borgo di Sermoneta reca chiarissima l’impronta del periodo medievale, ma è di antica fondazione, giacché sorse su un sito frequentato già in epoca preistorica. Il centro è cinto da mura che gli Annibaldi eressero nel XIII secolo insieme alla Rocca; questa fu successivamente acquisita da Bonifacio VIII, con i possedimenti che comprendevano l’attuale Oasi di Ninfa, a poca distanza nella piana sottostante. Addentrandosi nelle viuzze del centro, strette tra case medievali in pietra ben conservate, si giunge alla piazzetta su cui si affaccia la Cattedrale dell’Assunta, eretta nel XIII secolo in forme romanico-gotiche e più volte rimaneggiata; la Chiesa è annunciata da lontano dal bel campanile romanico a cinque ordini di bifore. Un breve passaggio conduce al cosiddetto Giardino degli Aranci, riparato parco pubblico in posizione panoramica. Si riprende a salire e, seguendo Via della Fortezza, si raggiunge l’ingresso del possente Castello Caetani, che si erge in alto sulla destra a sovrastare il centro abitato. Ben restaurato dopo i danni subiti nel corso dell’ultima guerra, il castello è di proprietà della famiglia Caetani, che lo gestisce e lo rende visitabile mediante la Fondazione Roffredo Caetani. 

CASTELLO CAETANI (SERMONETA)
Via della Fortezza
Tel. 077330008
info@frcaetani.it
www.frcaetani.it/castello-caetani-di-sermoneta
Apertura: orari variabili, (consultare il sito web)
Condizioni di visita: ingresso a pagamento

Il fortilizio, ben evidente anche da lontano, si trova nella parte più alta del borgo di Sermoneta; eretto dagli Annibaldi nel corso del Duecento, è uno dei più affascinanti e meglio conservati dell’Italia Centrale. Un breve viottolo lastricato in pietra conduce in leggera salita a uno slargo che offre una magnifica vista sull’Agro Pontino: sullo sfondo si staglia il profilo degli edifici moderni di Latina e, appena oltre, il mare. Al centro di quest’ampio cortile una bocca di pozzo si affaccia su una delle tre cisterne per la raccolta dell’acqua piovana: fu una delle grandi ricchezze di questa inespugnabile fortezza, per il resto difesa da alte mura merlate, torri e ponti levatoi. Come quello che difende il poderoso maschio, la torre principale alta oltre 40 m; all’interno, nel luogo più sicuro del castello, si trovano le stanze nobili e la camera da letto del signore. Questi sono gli unici ambienti usciti del tutto illesi dalle alterne vicende della Seconda Guerra Mondiale, quando il castello venne utilizzato come rifugio da centinaia di sfollati. Dalla torre principale, attraverso camminamenti coperti, si potevano raggiungere diversi angoli del castello. Molto bello è ad esempio il camminamento di ronda, che tra poderose merlature regala un affaccio da una parte sul cortile, dall’altra sulla vallata: verso nord si intravedono l’Abbazia di Valvisciolo e la torre merlata che si erge al centro dell’Oasi di Ninfa. In fondo al cortile del castello si apre la cosiddetta Casa del Cardinale, il cui salone centrale è abbellito da dipinti di epoche comprese fra il XII e il XVI secolo. Gli ambienti contigui sono riccamente affrescati (XV secolo) e dotati di grandi camini; in queste stanze avrebbe soggiornato anche Lucrezia Borgia. La grande scuderia ha una volta a botte isolata grazie all’impiego dell’“incannucciata”, un impasto di fango e cannucce.
Condividi su Facebook

SCOPRI I LUOGHI DOVE POTER MANGIARE O SOGGIORNARE PER QUESTO ITINERARIO

PRIVERNO

GLIO' MONTANO

Via Majo 10
Tel. 0773903838
gliomontano@alice.it
Chiusura: lunedì e martedì; periodo variabile in agosto
Prezzi: 15-35 euro
La classica cucina regionale tradizionale rivisitata con originalità: specialità locali si affiancano a piccole prelibatezze come la bazzoffia (una minestra di carciofi o piselli) o la carne di bufalo o di manzo cotta alla brace. Siamo nel centro storico, l’ambiente è accogliente, a metà tra una locanda e un bel bistrot.

SERMONETA

PRINCIPE SERRONE

Via del Serrone 1
Tel. 077330342
hotelserrone@alice.it
www.hotelprincipeserrone.it
Chiusura: sempre aperto
Prezzi camera doppia: 80-90 euro
Nel centro storico del borgo medievale, un edificio risalente al Duecento con annessa torre di avvistamento che, grazie alla recente ristrutturazione e all’accurata ricerca di materiali e arredi, offre camere confortevoli di semplice eleganza e alcuni miniappartamenti ben inseriti negli antichi spazi. Prima colazione con pane e dolci fatti in casa.

BASSIANO

LOCANDA LA BELLA LISA

Viale della Croce 2
Tel. 0773355606 
bellalisa@libero.it
Chiusura: ottobre-maggio
Prezzi: camera doppia 65-80 euro
Immersa nel verde, una costruzione in pietra con arredo in "arte povera"; camere funzionali e ristorante dai toni caldi e rustici, che propone una cucina laziale. Ideale punto di partenza per passeggiate e gite naturalistiche, ma anche base ideale per attività sportive, dalla vela allo sci nautico al tennis.

SERMONETA

IL GIARDINO DEL SIMPOSIO

Via della Conduttura 2 
Tel. 3392846905 
simposio.sermoneta@gmail.com
www.simposio.it 
Chiusura: lunedì; da ottobre ad aprile 
Prezzi: 15-40 euro
Un caratteristico locale che nella bella stagione offre una piacevole terrazza dall'atmosfera intima e romantica; i piatti proposti sono rigorosamente a base di materie prime del territorio sempre freschissime, rielaborate dallo chef e patron Fabio Stivali che realizza una puntuale cucina rinascimentale utilizzando anche i presidi Slow Food. Prenotazione consigliata.