Pennadomo. Lame di roccia

Tappe precedenti Prossime tappe
Pennadomo. Lame di roccia
Area di Servizio Trigno Est - Alento Ovest
DURATA 3 ore
USCITA AUTOSTRADALE Val di Sangro
In collaborazione con touring
Pennadomo. Lame di roccia
Incredibili pinnacoli e creste acute dentellate, perfettamente verticali, di calcare compatto e liscio, svettano sopra i tetti delle case di Pennadomo. Sono la gioia degli arrampicatori sportivi, che è qui facile incontrare, attaccati alle pareti come gechi. Ci si incanta a vederli salire sicuri, armonici e potenti, quasi a tu per tu con chi si si incammina lungo un sentiero facilmente accessibile e attrezzato con piazzole protette da ringhiere. Con un altro sentiero che si stacca dal paese e supera un canyon, si arriva in breve ad altre imponenti lame rocciose con molte vie di salita tracciate. Potrebbe capitare che non ci sia nessuno che arrampichi, ma lo spettacolo è comunque garantito dal fantastico effetto speciale offerto dalla natura, assolutamente da fotografare.
Incredibili pinnacoli e creste acute dentellate, perfettamente verticali, di calcare compatto e liscio, svettano sopra i tetti delle case di Pennadomo. Sono il paradiso dei free climber, gli appassionati dell’arrampicata libera che danno spettacolo a pochi passi dalle case del paese scalando lentamente, sicuri, armonici e potenti. I punti d’attacco delle falesie d’arrampicata, si raggiungono a piedi a poca distanza dalle case. Per gli appassionati di free climbing ciò significa non dover trasportare per lunghi tratti corde e altro materiale necessario per arrampicare, e per i curiosi avere la comodità di incontrali subito e ammirarli da vicino, godendo anche di una vista panoramica unica che scatena la voglia di fotografare. Nei punti d’attacco delle pareti, sulla roccia si leggono i nomi delle vie d’ascensione che evocano passioni, emozioni o stati d’animo dei tracciatori. Si sta accanto a chi è in attesa del proprio turno per arrampicare o assiste i climber. Si ascoltano i consigli dei più esperti, le inevitabili battute, ci si emoziona alle incertezze e infine ci si libera dalla tensione con un applauso quando chi arrampica raggiunge la vetta. Ringhiere in ferro proteggono i passaggi esposti e i terrazzini panoramici, come quello in vetta alla Liscia di Santa Maria, altrimenti detta Paretone, da cui si gode la suggestiva vista dei tetti del paese e il superbo panorama tutto intorno. Da queste postazioni si ha il privilegio di osservare dall’alto la progressione di chi, come un geco, guadagna la vetta. Per arrivare ai settori che sono in cima al paese si parte da piazza De Gasperi, si prosegue per via Roma e via San Nicola, si supera il largo della chiesa e si prende a destra per oltrepassare le case più in alto del paese. Qui si segue la segnaletica che indica le placche e le lisce, cioè le pareti con le vie tracciate e attrezzate, battezzate tutte con nomi immaginifici, e dall’acciottolato si passa ai sentieri e alle gradinate scavate nella roccia.
Approfondisci
Condividi su Facebook

SCOPRI I LUOGHI DOVE POTER MANGIARE O SOGGIORNARE PER QUESTO ITINERARIO

Pennadomo

DA PEPPE E PINA

Via Caldora 2
Tel. 0872968125
Chiusura: domenica
Prezzi: 3/5 euro
La sosta è obbligata prima e dopo la salita verso le lame di roccia. Per il “rifornimento” non si chiede di più che tranci di pizza locale, panini farciti a chilometro zero e fragranti biscotti semplici o guarniti di cioccolato o nocciole.