Maccarese. Il castello di San Giorgio

Tappe precedenti Prossime tappe
Maccarese. Il castello di San Giorgio
Area di Servizio Arrone Est
DURATA 2 giorni
USCITA AUTOSTRADALE Maccarese – Fregene
In collaborazione con touring
Maccarese. Il castello di San Giorgio
Massiccio, con una torre campanaria e un bel giardino, il Castello di San Giorgio a Maccarese è sorto, secondo la leggenda, su un terreno conquistato da un cavaliere che sconfisse un drago. Al suo interno, sale, terrazze, locali affrescati e quadri fanno rivivere le atmosfere del Settecento, mentre passeggiando attorno al castello e visitando l’Ecomuseo del Litorale Romano si può tornare con l’immaginazione a chi, per secoli, ha lavorato quella terra, combattendo contro paludi e malaria per renderla coltivabile. Non distante, sul lato del fiume Arrone, Papa Pio V fece costruire la Torre Primavera, imponente punto di avvistamento a pianta quadrata. Infine, l’Oasi WWF di Macchiagrande conserva il più rigoglioso esempio di flora tirrenica da scoprire percorrendo chilometri di sentieri, mentre le acque dell’Oasi delle Vasche artificiali sono la meta ideale per avvistare l’incredibile varietà di avifauna acquatica della zona, prima di rilassarsi immergendosi nella naturale bellezza dell’Oasi WWF del Bosco della Foce dell’Arrone. 
Un percorso attraverso secoli di storia, che si snoda nelle antiche sale, sulle terrazze e nei locali affrescati del Castello di San Giorgio a Maccarese, permette di rivivere le atmosfere del Settecento, mentre passeggiando attorno alla residenza e visitando la zona circostante si può immaginare la vita quotidiana di chi per secoli ha lavorato e faticato su quella terra, combattendo contro paludi e malaria per rendere coltivabile tutta la zona. Tra le testimonianze più affascinanti della storia della tenuta ci sono i paesaggi dipinti dal pittore francese Adrien Manglard (1695-1760), che soggiornò lungamente nel castello nel 1732, ospite dei Rospigliosi. Alle sfide della vita quotidiana, al paesaggio rurale, al flagello della malaria e alla grande bonifica che avrebbe trasformato definitivamente quest’area paludosa sono dedicate le esposizioni, le immagini e le testimonianze raccolte nell’Ecomuseo del Litorale Romano, che trova spazio nel complesso del castello. Non molto distante, sul lato del fiume Arrone, papa Pio IV, nella seconda metà del XVI secolo, fece costruire la Torre Primavera, imponente punto di sorveglianza a pianta quadrata. Alta 15 m e articolata su quattro piani, faceva parte di una serie di fortilizi costieri finalizzati all’avvistamento e alla segnalazione, con lo scopo di scorgere i razziatori turchi e i predoni, e segnalarne lo sbarco e l’attacco. L’ultima tappa, l’Oasi WWF di Macchiagrande, conserva il più rigoglioso esempio di flora tipica delle aree umide della costa tirrenica, da scoprire percorrendo una rete di interessanti sentieri adatti a tutti. Poco distanti, nel territorio comunale di Fiumicino, ci sono le pozze dell’Oasi WWF Vasche di Maccarese. Nata per tutelare una serie di bacini artificiali creati per la caccia e l’acquacoltura, l’oasi in seguito si è popolata di una fauna molto varia. È una meta ideale per avvistare l’incredibile varietà di avifauna acquatica della zona, prima di concludere l’itinerario con la visita alla naturale bellezza dell’Oasi WWF del Bosco della Foce dell’Arrone.
Approfondisci
Condividi su Facebook

SCOPRI I LUOGHI DOVE POTER MANGIARE O SOGGIORNARE PER QUESTO ITINERARIO

Fiumicino

OSTERIA DELL'OROLOGIO

Via Torre Clementina 114
Tel. 066505251
gerardafine@gmail.com
www.osteriadellorologio.net
Chiusura: lunedì, martedì e mercoledì a pranzo; periodo variabile 
Prezzo: 25/60 euro
Marco Claroni gestisce questo locale proprio di fronte alla Torre dell'Orologio. La cucina di mare è semplice e il servizio sempre sereno e attento, anche nei momenti di maggiore affluenza. Il menù varia ogni tre mesi. Antipastini a volontà, qualche crudo e poi piatti guizzanti di mare; fra le ricette segnaliamo il tortello di astice, tupinambur e tartufo nero, il maccarello, manioca alla brace, latte di cocco e coriandolo. Interessante carta dei vini e dei distillati. Si organizzano anche serate di degustazione.

Fiumicino

MARINA

Via della Torre Clementina 140
Tel. 0665047360

lamarina.fiumicino@gmail.com

Chiusura: a cena; periodo variabile
Prezzi: 15/35 euro
 

Tipica trattoria a conduzione familiare dal 1932, situata nella zona del porto e molto frequentata da un'affezionata clientela locale e di passaggio. L'ambiente è accogliente e caldo, con pavimenti in cotto e legno alle pareti; servizio cortese e gentile. La scelta dei piatti è orientata su sapori marinari di fattura semplice e casalinga. I dolci sono di propria produzione.

Fiumicino

MONNALISA VILLAGE

Via Consorzio Focense 39
Tel. 3331810256, 3939109572
paola.merlin@deltacasrl.com
www.monnalisavillage.it
Chiusura: sempre aperto
Prezzi: 80/120 euro
Complesso residenziale che offre la possibilità di pernottare in moderne ville dotate di comfort, ognuno con accesso privato, posto auto e giardino. Le camere sono ampie e arredate con stile moderno, bagno privato, asciugacapelli, e TV satellitare. E' possibile gustare la colazione nella propria stanza oppure seduti comodamente in veranda. Inoltre si trova a poca distanza dalla spiaggia ed in inverno è l'ideale per chi ama fare jogging o passeggiate pomeridiane rilassanti, immersi nella natura.