Il sapore nascosto di olio, pane e vino

Tappe precedenti Prossime tappe
Il sapore nascosto di olio, pane e vino
Area di Servizio La Macchia Est - Prenestina ovest
DURATA 1 giorno
USCITA AUTOSTRADALE Anagni-Fiuggi
In collaborazione con slowfood
Il sapore nascosto di olio, pane e vino
Alla scoperta dei sapori nascosti di olio, vino e pane: tre degli alimenti più importanti, conosciuti e simbolici della storia dell'umanità, di cui i coraggiosi artigiani di queste terre, tra le province di Frosinone e Latina, riescono a tirar fuori il lato sconosciuto. Si parte da Anagni, dove si scopre il valore di antiche varietà di uve profumate, schiette e di grande bevibilità e si procede, poi, verso Alatri per assaggiare l'olio pregiato di varietà itrana. E’ d’obbligo una tappa ad Acuto, una delle capitali del cesanese, un vitigno autoctono di valore, per poi passare a Rocca Massima e infine a Cori dove l'itrana regala un olio extravergine intenso ed è anche possibile assaggiare il pane di un grande panificatore, che usa ottime farine e lievitazioni naturali.
Alla scoperta dei sapori nascosti di olio, vino e pane: tre degli alimenti più importanti, conosciuti e simbolici della storia dell'umanità, di cui i coraggiosi artigiani di queste terre, tra le province di Frosinone e Latina, riescono a tirar fuori il lato sconosciuto. Si parte da Alatri per assaggiare da uno dei suoi migliori interpreti, la qualità di olio itrana. Americo Quattrociocchi è a capo di un’azienda biologica attiva nella produzione di olio fin dal 1888. Qui le regole sono quelle di una volta e le olive vengono ancora raccolte a mano. Anche il vicino paese di Acuto ha la sua peculiarità: è la capitale del cesanese, un vitigno difficile riportato magistralmente in auge da Paolo Perinelli, che si è occupato specialmente della tipologia dell’Affile. Il duro lavoro effettuato ha permesso di ottenere vini di classe e spessore. Si procede poi verso Anagni, dove si scopre il valore di antiche varietà di uva profumate e schiette, di grande bevibilità come i vini prodotti da Marcella Giuliani, la Passerina e il Cesanese del Piglio Alagna. A Rocca Massima l'azienda Oscar riesce a valorizzare al meglio l'Itrana, varietà di oliva locale. La conclusione dell’itinerario è quasi obbligata: trovandosi in zona non si può non fermarsi a Cori, terra dell’itrana, che regala oli intensi come quelli ottenuti da Marco Carpineti, agricoltore attivo anche nella produzione vinicola grazie alla quale è riuscito a recuperare l’arciprete, nome locale del vitigno bellone. Sempre a Cori si trova la cooperativa Cincinnato, che con i suoi 200 soci e più di 400 ettari è un’azienda modello che si garantisce l’autonomia energetica grazie al fotovoltaico. Anche qui, particolare attenzione è rivolta ai vitigni autoctoni come il nero buono di Cori. Tornando agli oli, alle varietà itrana, leccino e frantoio si è dedicata l’azienda Pietra Pinta il cui olio risulta profumato e piacevole. Cori, in particolare la frazione di Giulianello, ha visto nascere una comunità che si propone di preservare e diffondere l’utilizzo delle cicoriare e delle erbe spontanee. Zuppe alle erbe, pane e cicorie, erbe di campagna, oltre a piatti della tradizione contadina come la scafata, una zuppa di patate cipolle e carciofi, si possono gustare all’Osteria del Contadino, che ha degnamente raccolto la sfida della comunità.
Approfondisci
Condividi su Facebook