Foreste antiche e primitive di faggio dei Carpazi e di altre regioni d’Europa: Foresta Umbra e "Falascone" del parco nazionale del Gargano

Tappe precedenti Prossime tappe
Foreste antiche e primitive di faggio dei Carpazi e di altre regioni d’Europa: Foresta Umbra e
Area di Servizio Gargano Ovest
USCITA AUTOSTRADALE Foggia
In collaborazione con unesco
Foreste antiche e primitive di faggio dei Carpazi e di altre regioni d’Europa: Foresta Umbra e "Falascone" del parco nazionale del Gargano

Sito seriale transnazionale, copre 12 Paesi (Albania, Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Italia, Germania, Romania, Slovenia, Slovacchia, Spagna e Ucraina) e comprende un totale di 77 componenti. 

Il sito è stato riconosciuto per i valori relativi al Criterio IX: "essere uno degli esempi eminenti dei processi ecologici e biologici in corso nell'evoluzione dell'ecosistema"

Per quanto riguarda l’Italia 5 sono le aree designate. Tra queste la Foresta Umbra” e “Falascone” del Parco Nazionale del Gargano. 

Le aree selezionate rappresentano un eccezionale esempio di foreste indisturbate, temperate a latifoglie.

Le "Foreste antiche e primitive di faggio dei Carpazi e di altre regioni d'Europa” sono indispensabili per comprendere la storia e l'evoluzione del genere Fagus (alberi con ampia distribuzione nell'emisfero settentrionale) e la sua importanza ecologica a livello globale. Le foreste di Faggio europeo Fagus sylvatica (pure o miste) si sono sviluppate in Europa in una grande varietà di condizioni ambientali (climatiche, geologiche, pedologiche, altitudinali, ecc.) conservando complessi modelli e processi ecologici forestali in maniera completa.

Questi siti forestali Patrimonio Mondiale includono i migliori esempi rimanenti delle foreste di Faggio e permettono la testimonianza dell'adattabilità genetica e delle strategie evolutive di sopravvivenza ai cambiamenti ambientali di questa importante specie forestale che dopo il periodo glaciale, dalle sue “aree di rifugio” meridionali e orientali, si è espansa in tutto il continente.

Approfondisci
Condividi su Facebook